Scegli l’Italia: gli insegnanti vincitori della terza edizione

Cover_Scegli_Italia

Anche la terza edizione del premio Scegli l’Italia, ideato e realizzato da FAI – Fondoambiente Italiano e Fondazione Italia Patria della Bellezza, ha visto la partecipazione di numerosi insegnanti provenienti da tutta Italia. 

Alla giuria l’arduo compito di analizzare i lavori pervenuti, ricchi di testimonianze di meravigliose uscite didattiche alla ricerca della multiforme Grande Bellezza italiana
Tutti gli insegnanti iscritti al premio hanno dimostrato di essere dei veri Ambasciatori di Bellezza per i propri alunni, educandoli a scorgere la Bellezza non solo nei paesaggi ma anche nelle botteghe, nei processi produttivi eccellenti, negli incontri con le persone, nelle tradizioni. 

Difficile è stata la selezione degli insegnanti vincitori che si sono distinti, ciascuno nella propria categoria (scuola primaria, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado), per aver progettato e realizzato un’uscita didattica originale, multitematica e coinvolgente alla ricerca della Grande Bellezza italiana. 
A loro un meraviglioso premio: un soggiorno in un luogo d’eccezione, dove poter godere della Bellezza del nostro Paese. 

Ecco i vincitori: 

SCUOLA PRIMARIA
 
Insegnanti: Anna Rosaria MalatinoGiuseppa Ferraro 
Scuola: Istituto Comprensivo “Santo Calì” – Scuola Primaria “Pietro Scuderi”  di Linguaglossa (CT)
Progetto di uscita didattica: TURISTI PER SCELTA. Lingualossa, il mio paese, un museo a cielo aperto, tra murales, chiese, ville, sculture e case in pietra lavica. 
Destinazione: Linguaglossa (CT) 
La testimonianza delle insegnanti: “Abbiamo deciso di progettare un viaggio esplorativo a tappe, della durata di una settimana, intitolato “La settimana del paesaggio” e che avesse come fine ultimo la scoperta, la conoscenza e la tutela del nostro territorio, caratterizzato da una grande biodiversità e ricchezza culturale. Infatti Linguaglossa, situata alle pendici del vulcano Etna, si trova dislocata in un ambiente geologico, botanico e paesaggistico molto particolare. Conoscere bene il luogo in ci si vive è il modo migliore per tutelarlo, valorizzarlo, promuoverlo economicamente ed amarlo. “

 

 

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO
Insegnanti: 
Martina Zampini,  
Lauretta Donati
Scuola: 
Istituto Comprensivo “Falcone Borsellino” di Bardolino (VR)
Progetto di uscita didattica:
 Willkommen am Gardasee!     
Destinazione: 
Bardolino (VR)

La testimonianza degli insegnanti: “Il progetto (…) consiste nell’evoluzione di un progetto di gemellaggio effettuato nell’a.s. 2015/2016, tra la nostra scuola e le scuole partner di Rednitzhembach e Resenheim, in Germania. È stato riproposto per l’a.s. 2017/2018 sotto forma di progetto CLIL per avvicinare i ragazzi alla conoscenza del proprio territorio e per sfruttare l’occasione di un arricchimento linguistico nell’ambito di una lezione “sul campo”. I ragazzi, dopo aver lavorato a coppie sui diversi monumenti ed edifici significativi della loro cittadina, studiandone gli aspetti storici ed artistici, hanno presentato infatti in lingua tedesca i vari siti ai loro compagni, in occasione di un’uscita didattica sul Lago di Garda in cui gli alunni sono diventati i veri protagonisti e ciceroni per un giorno.” 

 

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO
Insegnanti
: Marcello Cammarata, Biagio Cutropia
Scuola: 
Istituto Superiore “Don Calogero di Vincenti “di Bisacquino (PA)
Progetto di uscita didattica: 
Costruzioni, Ambiente, Territorio 
Destinazione: 
Reggia di Caserta, Abbazia di Santa Maria del Bosco (Contessa Entellina, PA), Castello Patellaro di Bisacquino, Ponte Calatrasi (Roccamena)
La testimonianza degli insegnanti: ” L’I.S. Don Calogero Di Vincenti si trova nell’entroterra siciliana, territorio caratterizzato per secoli da sistemi sociali basati sul feudo e sull’agricoltura. II territorio è ricco di masserie, castelli, conventi e abbazie sorte in vaste lande, per il controllo del territorio da parte di feudatari o di prelati o di signori del tempo. L’escursione didattica programmata all’interno del percorso di Alternanza, mira a far riscoprire agli studenti le origini del proprio territorio sia dal punto di vista artistico che storico, essa prevede una visita alla reggia di Caserta e una visita ai ruderi del territorio.
Il progetto si compone di 5 fasi:
1. Indagine documentale sui beni monumentali del periodo normanno barocco e neoclassico, da studiare e approfondire, tramite le bibliografie disponibili nei vari archivi e biblioteche.
2. Recupero di progetti e rilievi del tempo oppure realizzati in periodi recenti, a partire da quanto riportato nelle bibliografie, tramite le agenzie del territorio e gli uffici tecnici dei comuni e di altri enti, quali la stessa Reggia di Caserta. Contestualizzazione del territorio della presenza dei Borboni nel regno delle due Sicilie.
3. Visita dei beni architettonici, con rilievo fotografico e metrico con strumenti tipici della professione del geometra: teodolite, bandella metrica, distanziometro a laser, finalizzato alla verifica dei rilievi esistenti ed all’accertamento dello stato di fatto dell’opera rispetto a quanto riportato nei documenti rinvenuti.
4. Attività di restituzione grafica tramite software CAD del rilievo effettuato. Sviluppo di proposta progettuale per il recupero del bene e la restituzione del bene alla comunità. Approntamento dei documenti economici per la valutazione del costo del progetto di recupero, e studio dell’efficientamento energetico del nuovo complesso.
5. Presentazione dei risultati alla comunità tramite un workshop, con esposizione di pannelli espositivi e plastici da donare agli enti locali. Possibilità di gemellaggi con altre scuole con la presentazione delle attività presso altre realtà.” 

Complimenti ai vincitori e grazie a tutti i numerosi insegnati che si sono iscritti!

 

Fondazione Italia Patria della Bellezza nasce con l’obiettivo di posizionare l’Italia nel mondo  attraverso la definizione e la comunicazione della sua Identità Competitiva, rappresentata da quella caratteristica unica e posizionante che è la Bellezza. La missione della Fondazione è valorizzare tale Bellezza, nella sua accezione più ampia, trasformando il suo straordinario potenziale in una risorsa strategica di sviluppo economico e sociale.
| Leggi tutti gli articoli |