Napoli: I Pollici Verdi danno nuova vita a Scampia

© Associazione I Pollici Verdi Scampia

Ancora una volta Napoli.  Ancora una volta un quartiere troppo spesso noto per i suoi aspetti negativi: Scampia. 
Ma oggi ne parliamo per qualcosa di Bello.

Sette anni fa un’associazione di privati cittadini, l’Associazione I Pollici Verdi di Scampia, si è impegnata a far rinascere i 22.000 mq di un parco fino a quel tempo usato per scambiare droga tanto da meritarsi il soprannome di “parco del Buco”.

Ed è così che il Parco Corto Maltese, questo il suo nome ufficiale, ha ritrovato vita e speranza e ricominciato a produrre Bellezza.

“Un gruppo animato da senso di partecipazione, senso civico e soprattutto buona volontà” si legge sul loro sito.

Un gruppo che con quella buona volontà ha saputo far fiorire, è proprio il caso di dirlo, una zona fino ad allora abbandonata al degrado.

Qualcuno ha disegnato splendidi murales sul tema della natura, qualcuno ha creato magnifiche sculture con il legno dei cedri abbattuti dal maltempo, qualcuno ha piantato orti. C’è chi si occupa di organizzare momenti per insegnare il codice stradale ai cittadini, chi le gare campestri, chi le feste di primavera, il Cineforum o i concerti..: una fucina di idee e meraviglie.

Ognuno porta qualcosa di Bello perché il Bello possa diventare di tutti.

I partecipanti all’associazione lavorano indossando magliette verdi. Ancora una volta come nei Quartieri Spagnoli il colore verde riaccende una speranza. Sul fronte il logo dell’associazione e dietro, sotto a un positivo pollice in su uno slogan semplice e potente: “Insieme si può”.

Perché ognuno di noi nel suo piccolo può davvero fare la differenza per rendere il Mondo un posto più Bello per tutti.